La voce della luna

“..far above the moon
planet earth is blue
and there’s nothing i can do”

space oddity – david bowie

hokusai

Tutto è bianco. Bianco e tenero come il profumo familiare di un ricordo lontano. Come un amarcord. Silenzioso e bianco come un morbido gesto d’amore che accarezza la parte più nascosta dentro me. Tutto è calmo. Ovattato e bianco come una parola dolce sussurrata appena e ricevuta in dono piangendo e tremando di felicità. Bianco e indecifrabile come la maestosa fragilità della luna che delicata e senza sosta qualche volta torna anche qua.

Fermati un po’ con me questa sera. Fermati e rallenta la terra. Fermati e parlami di luoghi incantati con semplicità perché tanto l’enfasi è solo di quelli che hanno pensieri troppo corti per poter vivere di vita propria. Fermati, ricordami il mio nome e aiutami a capire. Fermati ed io ti ascolterò restando in silenzio come gli uccelli quando arriva la notte. Non chiedermi perché. Non aspettarti risposte che io non posso dare. Lasciami solo guardare la tua bellezza e aiutami a non essere risucchiato nel vortice di questo mare fatto di scirocco e tramontana, schiacciato tra scilla e cariddi. Lasciami venire con te. Lasciami andare via. Lontano dai miei inevitabili fallimenti e dai miei graffi sulle loro parole bigotte. Lontano dai loro insegnamenti, dalla loro pubblicità di donne fotocopia, dalle loro crociate, dalle loro prese per il culo e dalle loro verità rivelate. Lontano dalle loro estenuanti strategie, dal loro insanabile bisogno di potere. Lontano dal loro odio e dal loro razzismo. Lontano da multinazionali che come lo stato, la chiesa, la scuola ti insegnano e ti inculcano valori da seguire. E tu sempre pronto a chiederti quanti desideri recepiti riuscirai a soddisfare questa fine settimana. Basta. Non ce la faccio più. Voglio andare via. Sempre più lontano da queste industrie progettate per plasmarti fin dall’infanzia, per insegnarti il loro stile di vita, il loro modo di pensare, pronte a catturarti in ogni momento, in ogni angolo della tua città con le loro trappole per insetti. Illusioni ingannevoli. Preghiere laiche. Rabbiose bestemmie.

Sai, da piccolo ho fatto la comunione, la cresima e religione in classe. Poi col tempo ho iniziato a pensare. Adesso confusione e paura. E poi la notte. E poi il silenzio. E poi tu, finalmente. Pace e bisogno di sentire, di annusare, di toccare, di sporcarmi le mani e di trovare ancora un sentiero segreto e nascosto tra le foglie. Ho bisogno ancora di te per poter scacciare questa mia malinconia, per capire la direzione. Dammi un po’ di serenità se puoi e non andartene via come le lucciole nelle mie corse sudate di bambino. Come queste note stonate dimenticate e perse nei miei cassetti che poi senza un motivo ritornano come un bacio sulla bocca. Come scintille di fuochi accesi la notte su prati di montagna. Come la dolce melodia di una chitarra classica che ancora non ho imparato a trattenere tra le mani. Aspetta se puoi e  lasciami cullare dalla tua luce. Lasciami impiastricciare ancora un po’ con pastelli il tuo contorno su fogli colorati. Aiutami e ti prometto che domani riuscirò a trovare la forza per lasciarti andar via. Scaldami e questo dolore invisibile, fidati, forse domani passerà.

Annunci

17 pensieri su “La voce della luna

  1. Pingback: La voce della luna | *.....My BeSt DaMn ThInGs.....*

  2. Fortunato chi riesce a sentire la voce della luna. Alzo spesso gli occhi al cielo nella notte ma nulla odo, solo la sua faccia infarinata vedo tra le stelle. E nessun canto, nessun lamento, solo il silenzio a tenerci compagnia e a illuminare il mare col color dell’acciaio.
    Ciao 🙂

  3. come il sapore del vino di Angelo Musso, la lingua si blocca, bruciano le tonsille disegnate nei contorni nella gola e poi ti esplode nello stomaco indignazione e resa, come un magone per qualcosa che ti ha preso, vinto, riconsegnato diverso … bianco, come il contorno degli occhi, come lo spazio così vicino da apparire falso

Rispondi a ilbanditodelleoreundici Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...